24 OTTOBRE

Una data che ha segnato la vita del San Raffaele

Anteriormente alla Riforma liturgica, infatti, in questa giornata si festeggiava l’Arcangelo Raffaele.
Colui che ci porta la medicina di Dio, Raf-el: Dio guarisce.
E da qui la denominazione di Raffaeliano, a indicare l’identità specifica di chi fa proprio il concetto di una Nuova Medicina per l’era moderna..
Concetti teologici e dottrinali che sono stati pure tradotti in note e parole musicali per l’inno San Raffaele https://youtu.be/2Fr3gidQqpY
Anche se le date si mescolano (ora il 29 settembre) resta per noi tutti una giornata particolarmente gioiosa e benedetta sulla quale rimetterci in volo per un nuovo anno di attività.

ENTRA

Cari Raffaeliani,
leggete Voi stessi sul volto di Gesù Cristo Medico-Sacerdote per eccellenza, il volto divino-umano. Volto nascosto e trasfigurato; volto permeante in ogni uomo come volto di Dio a seguito della incarnazione del Verbo i cui lineamenti sono ormai incancellabili in ogni uomo. Volto affidato alla nostra intelligenza per una lettura teo-antropologicamente sempre meglio adeguata a verità concreta e contemporanea. Un volto da leggere quindi, ma anche un volto da riscoprire se ancora crediamo ed amiamo Cristo.

Don Luigi M. Verzè
24 ottobre 2001 Festa di San Raffaele Arcangelo